Remedy acquisisce i diritti di Control da 505 Games: l’astronomica cifra svelata!

Remedy acquisisce i diritti di Control da 505 Games: l’astronomica cifra svelata!
Remedy

La bomba è stata sganciata: Remedy Entertainment, il colosso finlandese dei videogiochi, ha compiuto un gesto da far tremare i pollici di ogni gamer! Ebbene sì, la saga di “Control”, quel capolavoro di intrighi e misteri sovrannaturali, torna nelle mani dei suoi creatori originali. Remedy ha sfoderato il portafoglio e, con un’astuzia degna del miglior giocatore di strategia, ha rilevato i diritti sulla serie da 505 Games, l’editore italiano che aveva sinora detenuto la preziosa chiave di questo universo videoludico.

Signore e signori, il colpo di scena ha del clamoroso! La mente di ogni videogiocatore si sta già disperdendo in un vortice di possibilità, teorie e speculazioni: cosa ci riserva il futuro? Ma concentriamoci sui fatti: secondo quanto è trapelato dagli angoli più oscuri del web, Remedy ha sborsato una cifra da capogiro, una montagna di euro che si aggira attorno ai 300.000 di quei dolci, dolci zecchini digitali. Un piccolo prezzo a parer loro per riabbracciare un figlio prodigo.

Ora, da esperto di videogiochi, non posso che inumidirmi gli occhi di fronte a questo epico ritorno. I finlandesi di Remedy – gli stessi geni dietro il cult “Max Payne” e l’innovativo “Alan Wake” – hanno mostrato ancora una volta il loro impegno per l’arte del videogioco, strappando “Control” dalle grinfie dell’industria per riportarlo a casa. È come se Kratos di “God of War” avesse deciso di riprendersi il suo martello da un mortale indifeso. Una mossa che grida vendetta, un grido di battaglia che risuona nelle cuffie di ogni vero videogiocatore.

Ma non è tutto, perché il mondo del gaming è in fermento. I corvi del marketing battono le ali, le tastiere ardono sotto le dita febbrili degli utenti, tutti in attesa di ciò che Remedy ha in serbo per loro. Perché quando si tratta di titoli come “Control”, non si parla semplicemente di giochi, ma di esperienze che trascendono la realtà, che ci trasportano in dimensioni dove la solida logica perde il suo potere e l’ignoto regna sovrano.

E se la notizia non fosse già abbastanza esaltante, pensate alle prospettive che si aprono ora che la serie è tornata nelle mani dei suoi creatori. Potrebbero essere sviluppati nuovi capitoli, spin-off, addirittura film o serie? Il potenziale è illimitato e, conoscendo Remedy, qualsiasi cosa è possibile. Se la qualità sarà pari a quella del primo “Control”, allora ci aspettano ore e ore di gioco in cui perderci, con la mente che viaggia a velocità supersonica tra gli anfratti più reconditi dell’Oldest House.

L’operazione di riacquisto è un segno inequivocabile: il panorama videoludico è in continua evoluzione, e i nostri amati sviluppatori stanno giocando forse la partita più importante, quella di rimanere padroni delle loro creazioni. Remedy si è assicurata la sua creatura, “Control”, e ora il destino di questo brand è nuovamente nelle sue mani. Tenetevi pronti, giocatori di tutto il mondo, perché il futuro promette meraviglie incontrollabili! Control torna a casa, e noi non vediamo l’ora di vedere dove ci porterà questa volta.