Marte è sempre più vicino: la Nasa celebra il breakthrough di comunicazione laser!

Marte è sempre più vicino: la Nasa celebra il breakthrough di comunicazione laser!
Psyche

Il primo test per la comunicazione laser di Psyche ha portato a risultati sorprendenti e straordinari! Grazie al Deep Space Optical Comm (DSOC) della NASA, siamo ora in grado di inviare e ricevere dati dallo spazio profondo utilizzando la potenza del LASER. Questo è un passo avanti incredibile per l’umanità, poiché ci apre le porte a nuove possibilità e scoperte straordinarie.

Il 14 novembre scorso, finalmente è stata confermata l’efficacia del DSOC. Questa è solo l’ultima dimostrazione di una serie di innovazioni tecnologiche che ci permettono di comunicare in modo ottico tra la Terra e lo spazio. Un vero e proprio balzo in avanti si è verificato, poiché questa è la prima volta che riusciamo a comunicare in modo ottico oltre il sistema Terra-Luna. Sì, hai capito bene, stiamo superando confini che sembravano insormontabili!

Il cuore di questo sistema rivoluzionario è il ricetrasmettitore laser di volo, installato a bordo della sonda Psyche. Durante il lancio della missione verso l’asteroide omonimo, il potente telescopio Hale dell’Osservatorio Palomar del Caltech è stato puntato dal laser. Questo spettacolare strumento opera nel campo del “near-infrared” dello spettro elettromagnetico e si trova a ben 16 milioni di chilometri dalla Terra, oltre 40 volte più lontano della Luna. L’emozione raggiunge l’apice quando il 14 novembre abbiamo finalmente ricevuto la “prima luce”. Un momento di pura magia e progresso!

Trudy Kortes, direttrice delle dimostrazioni tecnologiche presso la sede della NASA a Washington, ha dichiarato che questo è solo l’inizio di una serie di traguardi rivoluzionari per il DSOC. La velocità di trasmissione dei dati aumenterà notevolmente, consentendo l’invio di informazioni scientifiche, immagini ad alta definizione e persino video in streaming. Il passo successivo è l’invio di esseri umani su Marte, un’impresa epocale che potremo realizzare grazie a queste nuove tecnologie!

Ma come funziona esattamente questo sistema rivoluzionario? Beh, il ricetrasmettitore laser è solo una parte di una complessa macchina. Abbiamo anche un sistema di uplink per inviare i dati dalla Terra allo spazio e un sistema di downlink per ricevere i dati provenienti dallo spazio. L’OCTL, l’Optical Communication Telescope Laboratory situato in California, si occupa dell’uplink, mentre l’Osservatorio Palomar del Caltech è responsabile del downlink. Quest’ultimo utilizza un ricevitore superconduttore incredibilmente sensibile per contare i fotoni, un’altra innovazione straordinaria sviluppata dal Jet Propulsion Laboratory (JPL).

Uno degli obiettivi principali di questo esperimento era chiudere il collegamento, ovvero inviare e ricevere simultaneamente dati di test tramite i laser di uplink e downlink. Anche se questi dati non sono relativi alla missione Psyche, c’è una stretta collaborazione con il team di supporto della missione per garantire che tutto funzioni in modo impeccabile. Psyche ha una missione ben definita e non possiamo permettere che le operazioni del DSOC interferiscano con le sue attività.