In una giornata calda, preferiresti stare di fronte a un ventilatore per rinfrescarti o saresti in una stanza con aria condizionata impostata alla tua temperatura perfetta? Penso che la maggior parte degli appassionati di overclocking, giochi hardcore e prestazioni sarebbero d’accordo sul fatto che avere un dispositivo di raffreddamento a liquido installato è molto meglio per le prestazioni rispetto a un dispositivo di raffreddamento ad aria standard.

CPU moderne che funzionano a 4-5+ GHz e consumano più centinaia di watt di elettricità. È come se fossero una matricola universitaria che sgranocchia birra in un fine settimana di primavera è in grado di generare enormi quantità di calore.

Se questo calore non viene gestito correttamente, la CPU raggiungerà presto il limite termico e inizierà a limitare. Una CPU a farfalla termica perde i suoi gigahertz come gli alberi fanno foglie durante l’autunno e per farla breve, non sei più un campeggiatore felice.

Per evitare ciò, è necessaria una buona soluzione di raffreddamento della CPU. E mentre un normale refrigeratore d’aria potrebbe a malapena portare a termine il lavoro, avere un dispositivo di raffreddamento della CPU liquido è molto meglio. Come una normale Corolla Toyota contro una Porsche 911 migliore.

Certo, un dispositivo di raffreddamento a liquido sarà leggermente più costoso e richiede un po ‘più di abilità per l’installazione. Tuttavia, la tua CPU top di gamma merita anche una soluzione di raffreddamento migliore ed è per questo che sei qui. Ti guideremo attraverso questo processo leggermente complicato di installazione di un dispositivo di raffreddamento della CPU liquido in questo articolo. Basta leggere attentamente e fare attenzione a non perdere alcun passaggio.

Liquid CPU Cooler Vs. Air Cooler: qual è il migliore?

Come per tutte le cose che esistono, ci sono alcuni vantaggi e svantaggi intrinseci della scelta di un raffreddatore a liquido rispetto a un refrigeratore d’aria.

Pro:

  • Molto meglio nel raffreddare la CPU.
  • Molto più silenzioso di un refrigeratore d’aria standard.
Contro:

  • Più costoso.
  • Più difficile da installare.
  • Più ingombrante.

Come funziona il raffreddamento a liquido?

HowLiquidCoolerWorksIntel
Fonte: Intel

La CPU genera calore quando è sotto stress, che può essere trasferito da esso tramite l’Integrated Heat Spreader (IHS). IHS è il coperchio metallico che vedi sulle CPU, sopra il quale viene applicata una pasta termica prima di collegare un dispositivo di raffreddamento ad esso (aria o liquido). I raffreddatori d’aria sono solidi pezzi di metallo (alluminio o rame) con un gran numero di alette e hanno una ventola di raffreddamento attaccata alla parte superiore in modo da disperdere il calore. Tutto questo si trova immediatamente sopra l’IHS sulla CPU.

Al contrario, nel raffreddamento a liquido, il radiatore che dissipa il calore nell’aria non si trova immediatamente sopra l’IHS. Una piastra di base viene prima attaccata all’IHS con uno strato di pasta termica. La piastra di base è in metallo e fa parte del waterblock, che si trova anche sulla parte superiore dell’IHS.

Ci sono due tubi, collegati al waterblock a un’estremità e al radiatore all’altra estremità. È possibile configurare il posizionamento del radiatore a proprio piacimento. Una pompa fa circolare il liquido freddo dentro e il liquido caldo fuori dal waterblock e il calore viene dissipato attraverso il radiatore.

I raffreddatori a liquido di solito sono disponibili in due varietà: un All-In-One (AIO) e un ciclo personalizzato. In linea di principio, entrambi sono uguali. In questo articolo ci concentreremo principalmente sui sistemi AIO.

Lavori preliminari

FanSizesAIO

Bene, prima le cose prima. Se vogliamo installare un AIO, dobbiamo assicurarci che l’involucro della CPU possa ospitare un AIO, non è vero? E con noi intendiamo voi. Assicurati che l’involucro della CPU sia abbastanza grande da gestire l’AIO. Esamina anche le raccomandazioni del produttore AIO, se ce ne sono disponibili.

Successivamente, gli AIO sono disponibili in diverse dimensioni. Le dimensioni più utilizzate sono: 120mm, 240mm e 360mm.

Se hai una custodia piccola, molto probabilmente userai il 120mm. Il radiatore può ospitare una singola ventola.  Questa dimensione è ideale per gli utenti occasionali non overclocking.

240mm raddoppia la dimensione di 120mm, il che significa due ventole da 140mm. Hai un involucro decente e di medie dimensioni e hai più di un interesse passeggero nell’installazione di un sistema di raffreddamento a liquido. Forse ti piace giocare con le impostazioni a manovella. Potresti overcloccare leggermente la tua CPU, ma non troppo.

360mm urla hardcore, ed è quello che sei. Ti piace giocare in 4k o 8k a manovella ultra e la tua CPU è stata overcloccata in alto cielo. Probabilmente.

In ogni caso, scegli una dimensione più fredda di tua preferenza e assicurati che si adatti all’involucro.

Installazione del liquido di raffreddamento

Ora che hai scelto un AIO adatto al tuo case CPU, sei pronto per installarlo. Segui la guida qui sotto e usa la tua discrezione quando necessario. Non dimenticare di fare riferimento alla Guida all’installazione del tuo AIO poiché diversi AIO avranno alcune lievi variazioni nei componenti e nelle procedure.

Preparazione dell’ambiente di lavoro

Per prima cosa, è necessario preparare un banco di lavoro pulito in modo da avere un tempo più facile per tenere traccia dei componenti. Non vuoi perdere tempo”trovare viti che erano lì solo un momento fa.

Metti l’involucro della CPU nell’ambiente di lavoro, insieme a un toolkit composto da cacciaviti. Assicurarsi che i componenti ingombranti già installati nella scheda madre, ad esempio la GPU, siano stati rimossi.

Disporre i componenti del dispositivo di raffreddamento della CPU AIO. Questo dovrebbe consistere in backplate, adattatori a vite, bulloni di fissaggio e ventole, insieme al blocco AIO stesso.

Installare le piastre posteriori

AIOBackPlate

Si utilizza il backplate AIO per proteggere la connessione tra il waterblock e la CPU. La CPU si siederà inserita tra la piastra posteriore e il waterblock e creerai una connessione stretta avvitando la piastra posteriore.

Alcuni casi si adattano per l’installazione della piastra posteriore avendo un coperchio ritagliato rimovibile, nel qual caso puoi semplicemente rimuoverlo ed esporrai la scheda madre dove puoi fissare il backplate.

Se l’involucro non dispone di questa funzione, sarà necessario rimuovere la scheda madre dall’involucro.

Una volta esposta la scheda madre in cui si trova la piastra posteriore, allineerai la piastra posteriore per abbinarla ai fori della vite nella scheda madre intorno all’area in cui si trova la CPU.

Utilizzare le viti di supporto fornite per mantenere la piastra posteriore in posizione e lasciarle in posizione. Lo userai per avvitare il waterblock in seguito.

Nota: Alcune schede madri avranno piastre frontali della CPU installate con headblock di raffreddamento ad acqua compatibili (ad esempio, LGA 2011), nel qual caso non è necessario toccare la piastra posteriore inclusa. Utilizzerai invece gli adattatori a vite inclusi. Utilizzare gli adattatori a vite nella piastra posteriore inclusa. Lo userai per installare il waterblock in un secondo momento. Per ulteriori dettagli, fare riferimento al manuale di installazione.

Installare le ventole

RadiatorFan

Afferra le ventole incluse e le viti lunghe. Sarà necessario orientare le ventole nella configurazione corretta per ottimizzare il flusso d’aria. Se il tuo AIO ha più ventole, probabilmente sono pensate per essere collegate in una configurazione push-pull. Ancora una volta, fare riferimento alla guida all’installazione / manuale dell’utente per il corretto orientamento della ventola.

Quindi, afferrare il cacciavite corretto e installare la ventola nel radiatore con le viti lunghe fornite.

Installare il radiatore

InstallRadiator

Il prossimo passo è installare il blocco del radiatore. Potresti, in teoria, prendere qualsiasi posizione comoda per installare il tuo radiatore, ma ti consigliamo vivamente di posizionare il blocco del radiatore sul lato superiore.

In questo modo, il tuo waterblock verrà installato sotto il radiatore, offrendoti alcuni vantaggi significativi.

  • La tua pompa dell’acqua funzionerà molto più tranquillamente.
  • Il tuo AIO funzionerà meglio che se la pompa fosse sopra il radiatore.
  • In alcuni casi, avere il radiatore installato sotto la pompa ha danneggiato i sistemi AIO, costringendo gli utenti ad aprire un RMA con il produttore.

Tenere saldamente il radiatore in posizione mentre si alimentano i cavi attraverso il ritaglio sul retro dell’involucro.

Assicurarsi che i fori delle viti nel radiatore siano allineati con i ritagli nell’involucro. Mentre si sostiene ancora il radiatore con la mano, avvitare le viti incluse. Potrebbe essere necessario effettuare una regolazione per quanto riguarda la posizione finale del radiatore, quindi non stringere ancora la vite. Assicurati solo che siano sicuri e che possano tenere il radiatore alla custodia per ora.

Installare il Waterblock

WaterblockMSI
Fonte: MSI

Questa è probabilmente la parte più complicata dell’intero calvario, quindi procedi con cautela.

Se stai rimuovendo un refrigeratore d’aria, assicurati di pulire la vecchia pasta termica dall’IHS.

Di solito un sottile strato di pasta termica è già pre-applicato dal produttore sul waterblock. Puoi scegliere di usarlo se sei un finstallatore per la prima volta. Se hai esperienza con l’installazione di paste termiche, puoi installare anche la tua pasta termica. A voi la scelta.

Installare le staffe di ritenzione incluse attorno alla pompa dell’acqua. Le staffe di ritenzione possono essere disponibili in una varietà di forme, a seconda del produttore e del modello, quindi fare riferimento alla guida all’installazione sulla procedura corretta su come eseguire questa operazione.

Appoggia l’involucro sul lato in modo che la scheda madre sia piatta e orizzontale.

Ricordi le viti di supporto che hai installato nella piastra posteriore all’inizio? (O gli adattatori a vite nel caso in cui la scheda madre sia stata fornita con una piastra posteriore già collegata). Allineare i fori della staffa della pompa sopra le viti di supporto e inserire la fessura in posizione.

Assicurarsi che la pompa sia posizionata a filo e orizzontale. Attaccare le viti a pollice (incluse nella confezione AIO) e avvitarle a mano. Avvitare tutte le viti a pollice e quindi terminare il lavoro con un cacciavite.

Gestione dei cavi

Gestione dei cavi

L’ultima cosa che devi fare è collegare i cavi in modo che la cosa funzioni e poi metterli via ordinatamente.

Collegare i cavi della ventola alle intestazioni della ventola. Se ti piacciono i tuoi RGB, collegali anche loro. È possibile collegare a margherita i cavi RGB.

Infine, collegare il cavo SATA all’alimentatore per alimentare l’AIO.

Riordina tutto e infila i cavi ordinatamente nella parte posteriore dell’involucro.

Accendi l’involucro e assicurati che tutto funzioni come previsto, prima di chiudere la custodia per l’uso quotidiano.