Amplificatore vs. Ricevitore AV: quale acquistare?

Qui a Technoboy, ci viene chiesto tutto il tempo che viene prima: il ricevitore AV o l’amplificatore. Non ci aspettavamo una risposta così ampia a quella che sembrava una semplice domanda. Non è così semplice, dopotutto. Come ci si aspetterebbe, l’industria audio non ha fatto un ottimo lavoro nell’esporre la soluzione; dopo tutto, perché fornire chiarezza quando il gergo può svolgere il lavoro altrettanto bene? Pertanto, abbiamo scelto di compilare una breve guida per mostrarti perché un amplificatore è più appropriato di un ricevitore AV. C’è una ricchezza di materiale supplementare su come massimizzare la loro efficacia.

Cos’è un amplificatore?

Passiamo prima alle cose facili. L’amplificatore di un sistema audio fa molto di più che fornire alimentazione ai tuoi altoparlanti; permette inoltre di regolare il volume e scegliere tra diversi ingressi. Un amplificatore stereo, nella sua forma più elementare, è responsabile dell’elaborazione dei canali sinistro e destro che compongono il suono che senti. Nemmeno le cuffie wireless, che spesso hanno un proprio amplificatore integrato, possono essere alimentate senza un amplificatore esterno.

amplificatore

Ricorda che gli altoparlanti sono pensati per far funzionare altoparlanti passivi, che non sono collegati direttamente a una fonte di alimentazione, ma si affidano piuttosto all’amplificatore per fornire la loro potenza. L’attrezzatura di amplificazione non è necessaria se si utilizzano altoparlanti attivi. Tutti i driver di questi altoparlanti dovrebbero già essere accoppiati con un amplificatore, guadagnandosi il soprannome di “powered” (altoparlante interno). Tuttavia, c’è sempre un’eccezione alla regola, e se hai già un amplificatore e altoparlanti configurati, puoi semplicemente collegarli alla tua configurazione attuale. Di seguito, analizzeremo tutto per te.

Che cos’è un ricevitore AV?

Anche un potente amplificatore, un ricevitore AV (audio/video) può riprodurre video. L’audio può essere inviato tramite i cinque, sette, 11 o 13 canali di un ricevitore invece dei due canali di un amplificatore standard. Può elaborare anche informazioni video, spesso tramite un cavo HDMI. Sebbene assomigli ad altri amplificatori – stiamo ancora parlando di grandi scatole nere, dopotutto – la potenza che fornisce, il numero di canali che ha e l’ampiezza delle sue funzioni lo distinguono. È più probabile che i ricevitori AV abbiano funzionalità come la correzione della stanza, la connettività Bluetooth, la funzionalità wireless e altro ancora.

Alla luce di tutto ciò, sembra ragionevole pensare che i ricevitori AV costerebbero di più degli amplificatori generici. Sbagliato. Anche se gli amplificatori stereo di fascia alta possono costare migliaia di dollari, i ricevitori economici come il Pioneer VSX-534 possono essere acquistati per circa € 350. I produttori possono facilmente aumentare il numero di canali di uscita senza aumentare significativamente il prezzo. Invece, la qualità audio complessiva, la qualità dei componenti interni e altri fattori giustificano il costo più elevato.

Quando dovresti usare un amplificatore stereo o un ricevitore AV?

Per quanto riguarda quando uno di questi amplificatori potrebbe essere utile, sono sicuro che puoi capirlo da solo. Se vuoi solo allestire un impianto stereo con due altoparlanti e magari un subwoofer, allora un amplificatore stereo è tutto ciò di cui hai bisogno. Detto semplicemente, qualsiasi cosa oltre i due canali non è necessaria. Al contrario, un ricevitore AV è la scelta migliore se vuoi costruire un sistema home theater che supporti l’uso di più altoparlanti per un’esperienza cinematografica più coinvolgente mentre guardi film o programmi televisivi. Saranno necessari più canali dell’amplificatore in modo che gli altoparlanti aggiuntivi possano essere alimentati. Un amplificatore stereo non è adatto qui.

È possibile aggiungere più amplificatori a un sistema che dispone già di un ricevitore, ma solo in circostanze particolari. I due tipi più comuni di amplificatori sono l’amplificatore stereo utilizzato per la musica normale e il ricevitore audio/video utilizzato per i sistemi home theater. In effetti, è così facile.

Integrati vs preamplificatori vs amplificatori di potenza

Vorremmo fornire un avvertimento prima di continuare. Potrebbero esserci troppi dettagli qui per il lettore medio. Ciò non è dovuto ad alcuna difficoltà intrinseca; in effetti, la procedura è piuttosto semplice. Piuttosto, l’uso di preamplificatori e amplificatori di potenza viene spesso evitato a causa degli alti costi associati. Di solito non vale la pena. Ma se sei interessato a saperne di più sugli amplificatori e sul loro funzionamento, continua a leggere. L’azione qui si scalderà.

A questo punto, è abbastanza ovvio che sia gli amplificatori stereo che i ricevitori AV sono tipi di amplificatori, con alcune importanti distinzioni nella funzionalità e nel numero di canali a cui emettono. Pertanto, ne consegue che le loro reti neurali hanno alcune somiglianze, se questo è davvero il caso. Qui imparerai gli stadi di amplificazione chiamati preamplificatori e amplificatori di potenza. Per rendere udibile il debole segnale dalla tua sorgente audio, hai bisogno di un preamplificatore e di un amplificatore di potenza per potenziarlo. Aggiungeranno ai suoi aspetti positivi, come ricchezza e profondità.

Il preamplificatore non solo decide quale segnale prendere da quale sorgente, ma lo amplifica anche in modo pulito a un livello in cui l’amplificatore di potenza può prendere il sopravvento e utilizzare tutta la sua forza per ottenere volumi udibili. Spesso vengono spediti come due dispositivi distinti o “enormi scatole nere”. In ogni caso, l’oscurità è la norma. I progettisti di amplificatori spesso mancano di originalità.

Paragonalo a un bell’albergo, se vuoi. Il preamplificatore funge da addetto al check-in della reception. Controllano chi sei, da dove vieni e in quale stanza devi trovarti. Se vanno bene, renderanno il tutto molto divertente (nella nostra metafora, questo è il potenziamento del preamplificatore il segnale sonoro solo un po’). Il portiere, un uomo forte che può portare il tuo bagaglio, poi ti accompagna nella tua stanza. La fonte di alimentazione dell’amplificatore. In questo scenario, le tue orecchie sono la stanza. Un’altra cosa: se inizi a sognare un letto king-size e una jacuzzi che ti appare nelle orecchie, è ora di vedere un medico.

Non è raro sentire amplificatori stereo indicati come amplificatori integrati, specialmente nei tipi di locali che si divertono a sbattere il gergo in faccia a clienti incauti. Un preamplificatore e un amplificatore di potenza sono combinati in un unico dispositivo, chiamato amplificatore integrato. In altre parole, hai solo bisogno di un dispositivo per fare tutto quanto sopra. Ci sono due tipi di amplificatori disponibili oggi: stereo e ricevitore. La maggior parte degli amplificatori sul mercato sono integrati. Per questo motivo, potresti evitare di acquistare un preamplificatore e un amplificatore di potenza come unità separate. Il Peachtree Audio nova300 è un ottimo esempio (vedi la nostra recensione approfondita qui), ma se non te lo puoi permettere ci sono molte altre fantastiche opzioni disponibili per molto meno soldi.

Utilizzo di preamplificatori e amplificatori di potenza per sistemi Hi-Fi

Ora che lo sai, puoi iniziare a provare un vero piacere. Con abbastanza spazio e denaro, puoi costruire un sistema che non solo produce un suono davvero epico, ma ti consente anche di cambiare i singoli componenti per un controllo granulare. Prendiamo come esempio il caso di volere il miglior sistema stereo possibile. Un amplificatore stereo decente è un’opzione, così come l’acquisto di un preamplificatore e un amplificatore di potenza separati.

Prendi come esempio l’amplificatore di potenza Yamaha Aventage MX-A5200 e il preamplificatore Yamaha Aventage CX-A5200. Il tuo sistema di amplificazione è costituito da questi due componenti audio eccellenti (sebbene costosi). Tutto ciò di cui hai bisogno ora è un servizio di streaming musicale come Spotify o Tidal per alimentare il tuo preamplificatore. Non resta che collegare gli altoparlanti, accendere il preamplificatore e rilassarsi.

Utilizzo di preamplificatori e amplificatori di potenza per l’home theater

Sta per diventare eccitante ora. Supponiamo che tu non sia soddisfatto della qualità del suono del tuo ricevitore e desideri avere più voce in capitolo sul suono del tuo home theater. Avrai bisogno di molto spazio e molti soldi. È un investimento, sì, ma che ripaga profumatamente quando guardi un importante film d’azione di Hollywood con un audio all’avanguardia.

Sbarazzati prima del ricevitore. Fortunatamente, non ne avrai bisogno. Un processore audio surround è invece ciò di cui hai bisogno. Questo è essenzialmente un preamplificatore molto sofisticato in grado di elaborare segnali sia audio che video. Non eseguirà alcun lavoro di amplificazione importante, ma controllerà dove tutto viene riprodotto. Il Monoprice Monolith HTP-1 16 sembra una buona opzione. Ti costerà circa € 4.000, ma ti abbiamo avvertito che questa era un’opzione costosa.

Ovviamente è necessaria un’amplificazione tra il processore e gli altoparlanti. Pass Labs e D’Agostino sono ottimi amplificatori di potenza dedicati e dovresti considerare di acquistarne alcuni (hai venduto i tuoi reni, vero?). Con abbastanza soldi, puoi utilizzare due amplificatori di potenza per altoparlante, uno per ciascuno dei canali sinistro e destro. Gli amplificatori di potenza monoblocco sono il nome comune di questi dispositivi.

Ma forse esiste un approccio più abile. Alcuni amplificatori stereo sono in grado di funzionare anche come amplificatori di potenza, e questo è il grande segreto dell’amplificatore. Un dispositivo come Sonos Amp sarebbe ottimo per questo scopo. A meno di € 600, non è solo economico, ma può anche fungere da amplificatore di potenza. Inoltre, puoi impilare numerosi amplificatori uno sopra l’altro, creando un sistema più compatto e organizzato. Molti installatori professionisti di home theater si affidano a Sonos Amp come arma nascosta. Potresti sicuramente fare di peggio se scegli di intraprendere il percorso di componenti separati.

Conclusione

Puoi scommettere che c’è molto di più da acquistare un sistema stereo o home theater di prim’ordine. Sono stati compilati molti articoli che trattano argomenti importanti di cui crediamo dovresti essere a conoscenza e altri sono costantemente in arrivo.

Potresti anche chiederti come accoppiare i tuoi altoparlanti con un amplificatore (o amplificatori). Ricorda che non puoi semplicemente collegare le cose insieme e sperare per il meglio. Ci sono una serie di misure che puoi adottare per proteggere i tuoi altoparlanti da danni e migliorare la qualità della musica che producono. Ecco la nostra guida completa che spiega tutti i termini tecnici, come impedenza e potenza, in un inglese semplice.

È anche possibile che tu abbia problemi durante il processo di installazione. Data la complessità del sistema, questo è prevedibile. La buona notizia è che anche i rimedi alla stragrande maggioranza di questi problemi sono abbastanza standard e possono essere implementati con poco sforzo.

Leave a Reply